Cerca nel blog

5 MOTIVI PER DIRE SI: LA GRAMMATICA DI DIO, Stefano Benni

Abito a Milano e qui solo una cosa è certa: la gente va di fretta. Non importa chi sia o dove stia andando, se a scuola o al lavoro, periferia o centro, solo una cosa è certa: che se allo scattare del verde al semaforo qualcuno non riparte, sarà clacson e imprecazioni dopo un solo secondo.

Ecco perché ho deciso di dedicare questa rubrica agli abitanti della mia bella e caotica città. Sarà un consiglio di lettura, non esattamente una review, di libri brevi che potranno accompagnarvi nella settimana, su e giù per la metropolitana, in pausa in ufficio o fra i banchi di scuola. 


WEEK #1
LA GRAMMATICA DI DIO.
 Storie di solitudine e allegria.
(Stefano Benni)



5 MOTIVI PER DIRE SI:

1) Stefano Benni è un poeta. 
2) Il romanzo contiene storie brevi di ogni genere da leggere a ogni età. (Non lasciatevi ingannare dal titolo, non parlano di fede o religione)
3) Il finale a sorpresa non manca mai.
4) Il retrogusto amaro dei racconti 
ci lascia sempre riflettere sul senso di molte cose.
5) I racconti sono brevi e adatti persino ai ritmi di vita frenetici dei Milanesi.


Ci fu una grande battaglia di idee e alla fine non ci furono né vincitori, né vinti, né idee.

Acquistabile in ogni libreria e in versione ebook qui, anche se vista la differenza di prezzo tanto sottile consiglio la versione cartacea, vi farà piacere rileggerlo un giorno.

Spero che accoglierete il mio consiglio. 
Fatemi sapere che ne pensate. 




3 commenti:

  1. Non conoscevo questa tua rubrica milanese ed era un sacrilegio, visto che vengo e vivo buona parte della giornata in questa città! :) Grazie per il consiglio, mi segno il titolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adele! La rubrica è una nuova idea che ho voluto iniziare con il 2016 con lo scopo di proporre ai cittadini della frenetica Milano libri veloci e pratici che possano accompagnarli durante la giornata.
      Sono felicissima che ti sia piaciuta l'idea.
      Fammi sapere come lo trovi. Un bacio (:

      Elimina
  2. Non abito a Milano ma questo libro l'hai descritto così bene che lo voglio leggere!!

    RispondiElimina